Permuta oro in gioielleria tutto ciò che c'è da sapere

Permuta oro in gioielleria: tutto ciò che c’è da sapere

Le attività di compro oro sono ormai molto diffuse, da anni, anche in Italia. Questo servizio dà la possibilità, a molti cittadini, di poter ottenere denaro dalla vendita di gioielli o piccoli oggetti in oro non più utilizzati o rotti. Dato il valore degli oggetti in questione, è importante sapere come muoversi per poter vendere il proprio oro in totale sicurezza.

Caratteristiche principali del servizio compro oro

Quando si decide di vendere alcuni dei propri gioielli o oggetti in oro in gioielleria o nei compro oro, la prassi è, solitamente, sempre la stessa. L’acquirente, dopo aver pesato e valutato l’oro, propone una cifra al venditore che è adeguata al valore degli oggetti messi in vendita. Se si decide di accettare l’offerta, l’affare sarà velocemente concluso. Basterà, infatti, compilare soltanto un piccolo modulo.

È molto importante, accertarsi della quotazione dell’oro prima di recarsi presso uno di questi negozi. Il prezzo dell’usato, infatti, può variare ogni giorno. Le gioiellerie, dopo aver acquistato gli oggetti, se non sono rivendibili, li inviano ad aziende specializzate che lavorano l’oro, tramite appositi processi, per poterlo poi utilizzare per la produzione di nuovi gioielli.

Le informazioni da conoscere per vendere il proprio oro in sicurezza

Anche il settore del compro oro e delle gioiellerie può essere una minaccia per chi vuole vendere i propri oggetti preziosi. Proprio per questo motivo, è fondamentale prevenire eventuali truffe affidandosi solamente a centri certificati e sicuri. Uno degli elementi più importanti da controllare è l’iscrizione all’OAM (Organismo Agenti e Mediatori). Questo requisito è obbligatorio per chi svolge questa attività. Online, è possibile risalire al registro di iscrizione del negozio presso il quale si vuole vendere l’oro.

Un altro aspetto da valutare è il rispetto della soglia massima di pagamento in contanti che non deve superare i 499€. Si tratta della norma antiriciclaggio che determina come i pagamenti superiori a questa cifra debbano essere, obbligatoriamente, tracciabili.

La gioielleria o il negozio compro oro, quindi, devono rilasciare al cliente una ricevuta con i dettagli dell’operazione effettuata (metodo di pagamento, caratteristiche degli oggetti, dati del venditore e quotazione dell’oro al momento della vendita).

Come farsi un’idea della quotazione dei propri oggetti in oro

Quando si decide di vendere oro, occorre decidere, innanzitutto, dove venderlo. Oggigiorno, è possibile cercare i punti compro oro più vicini online e farsi un’idea della quotazione. Inoltre, è molto importante anche avere consapevolezza di ciò che si sta mettendo in vendita, ovvero conoscere, con esattezza, la caratura dei propri gioielli. In questo modo, avendo ottenuto maggiori informazioni sulle quotazioni medie online, si potrà conoscere in anticipo una stima del ricavo che si potrà ottenere vendendo i propri preziosi.

Ancor meglio è richiedere dei preventivi, gratuiti, online o scegliere di richiedere una stima direttamente in un negozio fisico. Il consiglio è quello di esporsi solamente quando si è realmente convinti di voler vendere.

Come massimizzare i guadagni dalla vendita di oro

Chi decide di vendere l’oro ha, di solito, un obiettivo primario: guadagnare il massimo. Per riuscire a massimizzare i ricavi, è importante agire con astuzia. Infatti, è importante non farsi trovare per nulla impreparati alla vendita.

È fondamentale controllare, costantemente, le variazioni dei mercati per avere, così, la certezza di vendere il proprio oro nel momento migliore. Infine, occorre valutare con attenzione l’acquirente. Scegliere una persona onesta e competente è sicuramente la soluzione migliore.

Un acquirente onesto, che non vuole truffarvi, offrirà la cifra che vi aspettate. Ricordiamo che, essendo degli oggetti usati, chi acquista non avrà tanto margine per la successiva rivendita e, quindi, è giusto accontentarsi del prezzo corretto.

Infine, bisogna precisare che l’oro venduto rimane in negozio per almeno dieci giorni per controlli da parte delle autorità. In questo lasso di tempo, il venditore ha sempre la possibilità di avvalersi del diritto di recesso.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto