Come aprire un conto corrente online

Come aprire un conto corrente online e quando conviene farlo

La necessità di aprire un conto corrente può derivare da tantissime esigenze differenti che spesso cambiano in base all’età, all’occupazione lavorativa ed allo stile di vita.

L’apertura di un conto bancario, infatti, può essere correlato alla necessità di depositare i propri risparmi, farsi accreditare stipendio o pensione, fare investimenti, gestire le proprie spese ricorrenti, intestare un conto corrente alla propria azienda oppure richiedere un prestito.

A prescindere dalle proprie esigenze, il primo dilemma che bisogna necessariamente risolvere prima di decidere quale conto aprire è decidere se attivarne uno online oppure recarsi in una classica banca fisica.

Siccome i vantaggi dell’apertura di un conto corrente online sono davvero tanti ( e li scopriremo nel corso dell’articolo) nei prossimi paragrafi vedremo proprio come aprire un conto online e soprattutto a chi conviene davvero.

Cosa serve per aprire un conto corrente online

L’occorrente necessario per aprire un conto bancario online è praticamente identico a ciò che serve per attivarne uno nella tua classica filiale di fiducia sotto casa.

Dovrai infatti presentare essenzialmente il tuo documento d’identità, il codice fiscale e compilare una serie di moduli che dovranno essere inviati tramite posta raccomandata.

Inoltre se hai necessità di farti accreditare stipendio o pensione oppure hai bisogno di domiciliare utenze ogni mese, dovrai fornire tutta la documentazione che serve.

La vera differenza che contraddistingue l’apertura di un conto corrente online ed un conto in una banca fisica è certamente la procedura che, in gran parte, è completamente telematica e molto più veloce.

Puoi inviare la richiesta di apertura del conto in qualsiasi momento, collegandoti semplicemente ad internet da un dispositivo.

Ovviamente prima di scegliere a quale banca online affidarsi, sarebbe buona regola consultare tutte le offerte disponibili e decidere con maggior consapevolezza.

Il consiglio e di leggere sempre con attenzione il foglio illustrativo, contenente tutte le informazioni legate al conto, alle sue caratteristiche, ai costi, ecc…

Di offerte interessanti ne esistono tante e vengono spesso aggiornate. Quindi, partendo dall’analisi delle proprie esigenze e necessità, bisogna analizzare con cura i pro ed i contro di ciascun conto.

A chi conviene aprirne uno

Molti conti correnti online sono gratuiti o comunque prevedono costi che spesso sono più convenienti rispetto a quelli applicati da una banca fisica.

Una banca online ha meno costi di gestione da sostenere (ad esempio spese per l’affitto e per i dipendenti) e quindi può praticare commissioni più basse ai proprio clienti.

Ecco perché aprire un conto online conviene praticamente a chiunque.

Aziende

Una categoria che dovrebbe assolutamente guardare con grande interesse ai conti online sono certamente gli imprenditori.

A prescindere dalle dimensioni dell’azienda, qualsiasi realtà imprenditoriale ha necessità di gestire moli di denaro più o meno grandi.

Con un conto gestibile completamente online è possibile monitorare in ogni momento l’aspetto finanziario della propria azienda ed alcune società permettono anche di attivare delle carte prepagate da poter assegnare ai propri dipendenti.

Se vuoi sapere quali sono i conti correnti aziendali online più convenienti, su questa pagina trovi un elenco dei conti che un’azienda può attivare e gestire online, senza necessità di recarsi fisicamente in banca.

Studenti

Anche gli studenti e più in generale i giovani, hanno la necessità di dover aprire un conto. Le motivazione possono essere diverse.

Alcuni hanno bisogno di farsi accreditare lo stipendio del lavoro stagione o svolto nei fine settimana oppure gli studenti universitari necessitano di un strumento comodo per ricevere il denaro necessario per sostenersi durante gli studi.

Esistono anche dei conti pensati appositamente per i bambini, con il vero ed unico scopo di educarli al risparmio ed alla gestione del denaro fin da piccoli.

Qui trovi alcuni dei conti migliori per studenti.

Lavoratori dipendenti

Anche i lavoratori dipendenti hanno necessariamente bisogno di un conto per farsi accreditare lo stipendio ogni mese o per gestire le utente e le spese legate alla gestione familiare.

Pensionati

Esistono poi conti online pensati appositamente per i pensionati che di solito hanno solo bisogno dell’accredito della pensione e non sono alla ricerca di servizi ulteriori come carte prepagate o di credito.

Si tratta, di solito, di conti base con spese davvero bassissime che però prevedono la possibilità di poter estendere i servizi annessi in qualsiasi momento.

Ecco alcune offerte interessanti per i pensionati.

Tutti vantaggi dei conti online

A questo punto è arrivato il momento di comprendere quali siano i principali vantaggi che dovrebbero spingerti ad aprire un conto corrente online.

Per prima cosa, come abbiamo già accennato, spesso sono gratis e più economici rispetto ai conti bancari tradizionali.

Inoltre molte banche online prevedono per i nuovi clienti interessanti bonus di benvenuto come, ad esempio, buoni sconto di negozi di elettronica o su Amazon.

Altro vantaggio da non sottovalutare è poi la possibilità di poter contattare il servizio clienti della banca online in qualsiasi momento, telefonicamente, via mail o chat.

Quindi in tal senso è possibile risparmiare tantissimo tempo ed evitare le interminabili code di attesa da fare in banca.

In ultimo, puoi gestire il tuo conto comodamente da pc, tablet o smartphone tramite una web console oppure un’applicazione.

E se ho già un conto come faccio?

Chi decide di aprire un conto online ha probabilmente già un conto presso un’altra banca e potrebbe avere l’esigenza di trasferire il saldo, domiciliazioni ed accrediti.

Si tratta di un procedura molto semplice da mettere in pratica, basta solo avvisare la nuova banca che si incaricherà di tutto l’iter e di comunicare il trasferimento alla tua vecchia banca.

Di solito l’apertura del nuovo conto avviene nel giro di 12 giorni ed in caso di ritardi puoi addirittura richiedere un risarcimento alla Banca d’Italia di 40 euro.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto