Come rilegare fogli

Come rilegare fogli al meglio. Tutorial

Rilegare insieme dei fogli per comporre un libro è una vera e propria arte. Vi sono rilegatori bravissimi e con tanta esperienza che effettuano delle rilegature precisissime. A tal proposito consigliamo la lettura “La Rilegatrice di Libri Proibiti”, di Belinda Starling, in cui viene raccontata la vita della protagonista che impara proprio – per supportare il marito malato – a rilegare i libri.

  1. Oggetti necessari per rilegare
  2. Rilegatura a mano dei fogli
  3. Inserimento risguardi e dorsino
  4. La copertina
  5. Conclusione: la pressa

L’occorrente per rilegare dei fogli

Una delle tecniche di rilegatura più semplici, in cui si può fare a meno del telaio professionale, prevede l’utilizzo di:

  • Ago e filo, ideale quello da imbastitura
  • Tre pezzi di cartoncino resistente
  • Due fogli e una striscia di carta bianca pesante
  • Mezzo metro di fettuccia di cotone larga un paio di centimetri
  • Un pezzo di tela
  • Colla vinilica specifica per carta.

Se i fascicoli vengono cuciti correttamente restando allineati, il taglio del libro sarà perfetto; altrimenti con un cutter ben affilato occorrerà pareggiare i bordi. Attenzione: questa operazione deve sempre essere eseguita quando la colla si sarà asciugata e prima di applicare i risguardi e la copertina.

I risguardi sono quei fogli non stampati che vengono inseriti tra la prima e l’ultima pagina stampata e la copertina per non rovinarla. Sono fatti da cartoncino che si acquista in fogli da 700×1000 mm e che può essere scegliere di vari spessori. Il cartone da dorsini, invece, è molto sottile e elastico cosicché possa essere individuata la venatura effettuando delle piegature – prima da un lato e poi dall’altro – per poi scegliere quello in cui si incurva più facilmente senza strani segni.

Rilegatura a mano dei fogli

Per effettuare la rilegatura a mano occorre estrema precisione.

  1. Si inizia rimuovendo le spille metalliche con cui erano legati i fogli.
  2. Si pongono i fogli stretti tra due tavolette lasciando sporgere i dorsi per qualche millimetro
  3. Con un seghetto di metallo si creano dei fori: è meglio non utilizzare quelli preesistenti delle spille metalliche perché potrebbero non essere allineati.
  4. Successivamente si dispongono le dispense nel giusto ordine e si inizia con la cucitura: inserire l’ago all’esterno in uno dei fori precedentemente realizzati e passarli all’interno
  5. L’ago e il filo adesso saranno nella parte interna, quindi, si passano nel secondo foro e si esce fuori
  6. A questo punto è necessario fare un nodo all’esterno per bloccare le due estremità del filo
  7. Concludere passando l’ago nei bordi della fettuccina – ripetere l’operazione due volte – per bloccarla sul fascicolo
  8. Quest’ultima operazione deve essere effettuata per tutti i blocchi che si vogliono inserire
  9. Ripetere tutti gli otto passaggi precedenti per tutta la lunghezza del libro.

È importante tenere i fogli fermi. Per facilitare l’operazione è possibile utilizzare due aghi contemporaneamente andando a lavorare con ognuno su una coppia di fori.

Inserimento risguardi e dorsino

L’operazione spiegata sopra non è sufficiente per completare la rilegatura. È, infatti necessario, inserire risguardi e dorsino.

Per i primi si deve:

  1. Tagliare nella giusta misura il cartoncino che si andrà a usare: la larghezza deve essere uguale all’altezza dei fascicoli, la lunghezza – invece – due volte la larghezza delle dispense
  2. Piegare a metà il cartoncino ottenuto
  3. Applicarlo con estrema precisione sui fogli cuciti
  4. Mettere la colla sulle fettucce e incollarle a esso

A questo punto per dare maggiore resistenza al libro si deve aggiungere il dorsino:

  1. Prendere un altro pezzo di cartoncino
  2. Fissarlo con della colla sopra le cuciture e le fettucce
  3. Con un righello, controllare che la sua larghezza sia uniforme per tutta la lunghezza

La copertina

Prima di applicare la copertina ci si deve assicurare la tutta la colla precedentemente applicata si sia ben asciugata. Quindi nel frattempo è possibile preparare separatamente la struttura della parte esteriore.

  1. Tagliare un pezzo di stoffa lunga due volte la larghezza del libro con l’aggiunta di 100 millimetri e larga quanto l’altezza del libro aggiungendo di nuovo 100 mm
  2. Tagliare tre pezzi di cartoncino: due lunghi e larghi 2 o 3 millimetri in più del libro e uno della stessa lunghezza e largo quanto il suo spessore
  3. Disporli ben centrati e paralleli sulla stoffa
  4. Aspettare che la colla si sia asciugata e tagliare di traverso gli angoli della stoffa per poterli ripiegare all’interno stando attenti che non facciano spessore
  5. Completare la copertina incollando sulla sua parte esteriore il prospetto (con titolo e immagini) del libro

Conclusione: la pressa

Dopo avere eseguito e terminato tutte le fasi descritte finora è necessario stendere altra colla sulla parte esterna dei risguardi e adagiarvi la copertina. Anche se il lavoro è stato eseguito correttamente, l’umidità della colla tenderà a far gonfiare e incurvare il libro. Per impedire questa reazione, lo si può riporre tra due tavolette di legno e poggiarvi sopra un grosso peso per almeno 24 ore.

Ora siete in grado di rilegare a mano un libro in casa vostra. Il processo potrà servire per produrre una nuova composizione, per allegare delle dispense volanti o per sistemare un libro dissestato.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto